Politica

S. Pietro di Morubio, Corrado Vincenzi annuncia ufficialmente la sua ricandidatura a sindaco

Corrado Vincenzi correrà per la conferma a sindaco di San Pietro di Morubio. La lista civica “Iride”, con cui l’attuale primo cittadino ha vinto le elezioni cinque anni fa, ha formalizzato la decisione e Vincenzi ha deciso di raccogliere nuovamente il guanto di sfida. Anche la composizione della lista che sosterrà Vincenzi è oramai al fotofinish: accanto a donne e uomini di provata esperienza in campo amministrativo arriveranno nuovi candidati e candidate, intenzionati ad impegnarsi per la comunità morubiana.

«Il rinnovamento non si improvvisa, si prepara. Noi l’abbiamo preparato», afferma l’attuale primo cittadino. «Nei mesi della pandemia», argomenta, «siamo stati impegnati a portare ai cittadini fondi su vari fronti (ciclabili, aree verdi, servizi sociali, scuole), a dare risposte sull’emergenza per tutelare la salute soprattutto degli anziani».

«Ci siamo dedicati ad amministrare e a trovare soluzioni ai problemi dei morubiani perché quello era il compito che ci hanno affidato. La campagna elettorale, per quanto importante, per noi non è stata la priorità perché la lista “Iride” ha voluto prima di tutto tener fede agli impegni presi, e portare fino in fondo il patto fatto con i cittadini cinque anni fa», rivendica con orgoglio.

«Sulla lista, inoltre, siamo sempre stati sereni», aggiunge, «”Iride” conta su cittadini di San Pietro di Morubio che hanno una grande esperienza e, a loro, si sono avvicinati anche volti nuovi pronti a imparare. La nostra gente lo sa bene, come lo sa bene qualsiasi lavoratore, artigiano, imprenditore: le persone imparano stando accanto a chi ha esperienza. Non ci si improvvisa amministratori».

«Crediamo anche nella forza dei tanti giovani che hanno fatto il loro ingresso nella base di Iride e con cui ci stiamo confrontando giorno dopo giorno sul futuro della nostra comunità: servono esperienza e idee nuove per difendere e far crescere San Pietro di Morubio, noi le abbiamo entrambe», conclude Vincenzi.

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button