Salute

Anche il “Mater Salutis” celebra la “Giornata mondiale dell’osteoporosi”

Mercoledì 20 ottobre, in occasione della “Giornata mondiale dell’osteoporosi”, l’Aulss 9 Scaligera parteciperà all’Open day dedicato alla salute delle ossa organizzato da Fondazione Onda (l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere), offrendo servizi gratuiti per la prevenzione e la diagnosi precoce rivolti alla popolazione femminile. All’ospedale “Mater Salutis” di Legnago (Ambulatorio 29 – 1° piano), dalle 14 alle 17, Romildo Gasparini – responsabile del centro regionale Osteoporosi di Legnago, afferente alla Uoc di Geriatria diretta dalla Margherita Azzini – effettuerà visite osteo-metaboliche.

Contestualmente, l’Aulss 9 Scaligera informa gli utenti che all’ospedale “Mater Salutis” la diagnostica “Densitometria ossea” (Dxa) è stata trasferita dalla Uoc di Radioterapia alla Uoc di Radiologia (2° piano, ala Nord).

La Densitometria è una tecnica non invasiva fondamentale per la diagnosi di osteoporosi, che in pochi minuti e utilizzando una bassissima dose di radiazioni ionizzanti fornisce importanti informazioni sulla salute dell’osso e sulla sua densità minerale, permette di stimare i rischi di frattura e monitora l’efficacia nel tempo della terapia per l’osteoporosi.

Con il suo trasferimento – spiega l’azienda – si costituiscono le basi per una presa in carico e gestione integrata a cura del medico radiologo, con un miglioramento della qualità dell’assistenza per i pazienti affetti da osteopenia e osteoporosi, disegnando percorsi assistenziali per la prevenzione di fratture da fragilità ossea.

Il sistema diagnostico Densitometria Hologic, funzionale anche nello studio della composizione corporea dei tessuti molli per distinguere l’adipe dalla massa muscolare, si affianca alla nuova sala polifunzionale “Opera Swing” di Radiologia convenzionale, e alle già collaudate diagnostiche rivolte alla Patologia senologica (clinica e screening) in area dedicata, confermando il progetto della costituzione di una medicina di genere nell’ambito della diagnosi clinico-morfologica dell’Imaging nella Uoc di Radiologia del “Mater Salutis”.

L’esame densitometrico rientra nei programmi di prevenzione dell’osteoporosi per tutte le persone oltre i 65 anni, ma è importante anche per gli individui più giovani affetti da determinate patologie o in terapia cronica con alcuni farmaci, quali i corticosteroidi, immunosoppressori, sindrome di mal assorbimento.

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button