Eventi

L’associazione “Gli invisibili” organizza un incontro online sul tema delle “baby gang”

L’associazione veronese “Gli invisibili”, nata per dare voce alle persone costrette ad affrontare situazioni difficili e che sono dimenticate dal resto della collettività, propone una diretta streaming dedicata al complesso fenomeno delle cosiddette “baby gang”. L’evento, che gode del patrocino della Provincia di Verona, si svolgerà domani – dalle 20.45 alle 22 – sulla piattaforma Zoom.

«La criminalità minorile è diventata un argomento all’ordine del giorno. I fatti di cronaca confermano un aumento dei casi di microcriminalità, intesa come insieme di atti violenti compiuti da minori organizzati in gruppi», affermano gli organizzatori. «Ma quali sono le cause che conducono a una simile escalation di violenza tra i giovanissimi, spesso minori? È una delle conseguenze della pandemia? Cosa si può fare? A Verona, come in altre città, il problema della delinquenza minorile è sempre più frequente», osservano.

«Il punto fondamentale», spiegano, «è parlarne e non chiudersi nel silenzio per la paura. Ci rivolgiamo alle vittime ma soprattutto a genitori che stanno vivendo questo enorme e sempre più diffuso problema, dicendo loro che non devono sentirsi soli ci sono tante persone disponibili ad aiutarli».

I relatori che interverranno durante il corso di serata saranno il giornalista Rai Alessandro Politi, la psicoterapeuta (specializzata in psicologia giuridica) Giuliana Guadagnini e gli avvocati Andrea Bacciga e Stefania Carisi. Il ruolo di moderatore, invece, sarà affidato al vicepresidente della Provincia di Verona, David di Michele. Il programma dell’incontro prevede, inoltre, la testimonianza di un padre il cui figlio è membro di una baby gang.

Per assistere a questa interessante e utile analisi sul mondo delle bande giovanili è sufficiente utilizzare il link https://us02web.zoom.us/j/83650202119. Chi volesse ricevere ulteriori informazioni può inviare un’email all’indirizzo di posta elettronica info@gli-invisibili.it.

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button