Sport

Finale al cardiopalma, il Legnago Salus torna in gioco al 91imo!

Un Legnago Salus per cuori fortissimi, quello visto in campo ieri a Sesto San Giovanni, capace di regalare, in una manciata di secondi, un sali e scendi di emozioni degno del miglior regista di Hollywood. Alla fine, però, quello che conta è l’happy ending e, su questo, i biancazzurri non hanno deluso, conquistando tre punti fondamentali contro la Pro Sesto.

Che, complice la caduta della Giana Erminio in quel di Padova, hanno tolto la squadra di Colella dall’ultimo posto in classifica, e non è poco. E proprio sul terreno erboso del “Breda” si è vista la mano del tecnico trevigiano: squadra con carattere, spavalda, concentrata e persino con le facce giuste.

Un’iniezione di fiducia, quella data dal “Sergente”, sublimata dalla mossa fatta a metà ripresa, quando, subito dopo l’iniziale vantaggio siglato da Contini, ha buttato in campo contemporaneamente tre attaccanti, togliendone due e un difensore (Maggioni), dando quindi ai suoi un assetto ancora più offensivo. Che avrebbe anche dato i suoi frutti, se i legnaghesi non avessero mancato in più di un’occasione il colpo del ko, rischiando poi invece di vanificare tutto.

Già, perché nel tiratissimo finale di gara, i biancazzurri – in questo caso di rosso vestiti – hanno rischiato di combinare la frittata, subendo il gol del pareggio a un minuto dal 90imo.

Ma, appunto, il nuovo approccio caratteriale ha fatto sì che capitan Bondioli e compagni non si scomponessero, credendoci ugualmente fino all’ultimo.

Una fiducia premiata nemmeno due minuti più tardi quando, su una ripartenza, Alberti semina il panico nella retroguardia sestese, servendo poi un “cioccolatino” a Sgarbi che, implacabile, scaricava nella rete avversaria il gol del definitivo 1-2.

Così, il Legnago Salus può tornare a sperare, non essendo più ultimo e avendo ridotto in maniera importante le distanze dalle squadre che lo precedono. Rimangono due partite, sabato in casa con l’Albinoleffe (superato all’andata a Gorgonzola), e poi domenica 24 in trasferta ad Alessandria contro la Juventus Under-23.

I ragazzi del Bussè dovranno provare a fare il doppio colpaccio e, al contempo, sperare anche in qualche risultato favorevole sugli altri campi, per avere la certezza dei play-out e magari giocarli con il vantaggio del fattore campo, come successo la scorsa stagione.

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button