Cronaca & Attualità

Esev-Cpt propone un corso di formazione per la lettura del disegno tecnico

Acquisire e perfezionare competenze per leggere con precisione il disegno tecnico e, quindi, saper trasferire in opera l’idea progettuale. Ma anche approfondire computo metrico e contabilità, così come sicurezza e logistica di cantiere. Prende il via, a fine gennaio, il nuovo percorso di formazione Esev-Cpt, la scuola edile di Verona, dedicato alla “Lettura del disegno”, con un focus particolare alla “sostenibilità e qualità attraverso la progettazione efficace”. Lezioni mirate per un approccio sempre più consapevole al processo edile. Obiettivo, far sì che i diversi professionisti, che lavorano insieme alla realizzazione dell’opera, interagiscano e parlino la stessa “lingua”, così da rispondere in maniera adeguata ai bisogni del mercato e alle attese dei clienti.

Il corso, che inizierà il 29 gennaio e proseguirà fino a marzo per un totale di 32 ore, è organizzato in collaborazione con Ance e Fondazione Edilscuola. Il percorso formativo è rivolto a tutte le figure professionali che operano all’interno del settore edile: capisquadra, capicantiere, professionisti, ma anche studenti che hanno terminato gli studi della scuola edile o diplomati degli Its. Unico requisito è aver già maturato un minimo di esperienza nel settore delle costruzioni.

«Il disegno tecnico è uno strumento di comunicazione inequivocabile», afferma il presidente Esev-Cpt, Marco Perizzolo. «È il mezzo», spiega, «attraverso cui si trasferisce un’idea e un progetto in opera realizzata. Saperlo leggere perfettamente deve essere una competenza di tutti i professionisti che lavorano in cantiere. Il disegno tecnico, se fatto e letto correttamente, porta ed eliminare dubbi e fraintendimenti, ma anche costi per il cliente e per le ditte edili. La scuola edile, per andare incontro alle esigenze del settore, ha deciso quindi di organizzare questo corso al fine di formare quanti sono già inseriti nell’ambito produttivo, consentendo loro di acquisire competenze aggiuntive e di alto livello».

Durante le lezioni si alterneranno momenti di formazione tradizionale a simulazioni, verranno affrontati casi concreti per stimolare le capacità di problem solving e team working. Tra le materie approfondite: il disegno tecnico definitivo ed esecutivo, basi di fisica tecnica, rispondenza tra progetti architettonici-strutturali-impiantistici, organizzazione del computo metrico e redazione della contabilità, gestione della sicurezza e della logistica di cantiere, compresi costi, cronoprogramma lavori, risoluzione delle interferenze. Così come impianti, acustica e isolamento, oltre alle buone pratiche.

«Questo corso è nato dalle esigenze manifestate soprattutto dall’Ance ma anche direttamente dai lavoratori», aggiunge la vicepresidente Esev-Cpt, Annalisa Barbetta. «Cresce, infatti, la richiesta di professionisti con formazione elevata. Aumentando la professionalità di chi opera in cantiere si incrementa anche la sicurezza, che è una priorità assoluta del settore edile. Se tutti i lavoratori parlano la stessa lingua, in questo caso il disegno tecnico, è possibile lavorare in armonia e senza equivoci. Perfezionando le competenze di tutte le figure professionali, dal manovale all’ingegnere, si può migliorare un intero comparto», argomenta.

Il corso, che si terrà nella sede Esev-Cpt di via Zeviani, avrà un costo di iscrizione di 300 euro. E si concluderà con la visita ad un cantiere e l’esame finale, che darà diritto all’attestato di partecipazione. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.esevcpt.it. Per iscriversi occorre telefonare al numero 045-523366 oppure inviare un’e-mail all’indirizzo esev@esev.it.

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button