Sociale

Bovolone, è stata approvata la revisione del Regolamento degli assistenti civici volontari

Coinvolgere i cittadini per renderli concretamente partecipi alla vita politica di Bovolone e dar loro semplici occasioni per mettersi al servizio della comunità attraverso il volontariato. Sono queste le idee alla base della revisione del Regolamento degli assistenti civici volontari, approvata recentemente dal Consiglio comunale.

L’Amministrazione ha spiegato che l’intuizione di aggiornare il regolamento è nata in seguito alla richiesta da parte di una giovane di voler fare volontariato alla portineria del palazzo municipale; il servizio, però, non era previsto dal precedente Regolamento degli assistenti civici e il suo desiderio non è stato soddisfatto. Lavorando con l’ufficio Terzo settore e con il comandante della Polizia locale Marco Cacciolari, il sindaco Orfeo Pozzani e l’assessore Emanuele De Santis hanno rivisto il regolamento, nel tentativo di renderlo più moderno e attrattivo per i cittadini.

I cambiamenti apportati sono stati l’aumento delle possibilità di scelta nelle mansioni per la quale offrirsi volontari, la possibilità di proporsi al servizio con un’autocertificazione dello stato di salute personale al posto di un certificato medico, la creazione del Registro dei volontari aggiornato per presenze e mansioni, la maggiore collaborazione tra il responsabile del settore di riferimento del volontario e il cittadino in servizio, l’aumento della fascia d’età per proporsi come volontari, lo snellimento dei moduli per la messa a disposizione e una più approfondita formazione e valutazione delle candidature al fine di evitare servizi brevi o incostanti.

«Un’Amministrazione che ha a cuore la propria città desidera coinvolgere i propri cittadini dando loro opportunità per esprimere i propri talenti e mettersi al servizio della comunità. Il nuovo Regolamento degli assistenti civici volontari permette questo diventando una nuova possibilità di realizzare insieme una società inclusiva e unita», dichiara la Giunta.

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button