Sport

Caro Legnago Salus, contro la Pro Vercelli devi dare tutto quel che hai

Avversario tra i più blasonati che il Legnago Salus abbia affrontato nei suoi cento anni di storia, domenica di scena al “Mario Sandrini”. I biancazzurri, infatti, dovranno vedersela con le “Bianche casacche”, che nel palmarés possono vantare ben sette Scudetti, vinti tra il 1908 e il 1922, lanciando nel calcio dell’epoca miti come Virginio Rosetta (uno dei leader della Juventus del “Quinquennio d’oro”, e campione del Mondo nel 1934) e il grande centravanti Silvio Piola (bomber dell’Italia che bissò la Coppa Rimet nel 1938).

I piemontesi, attualmente sesti in classifica con 48 punti vengono da un ottimo momento, in questo 2022 hanno perso solo contro il Südtirol capolista (a Bolzano e di misura), e hanno conseguito risultati importanti come il 3-0 esterno sulla Feralpisalò o il rotondo 4-1 rifilato alla Pro Patria.

Il Legnago, di contro, arriva da un turno infrasettimanale alquanto infelice, dato che non solo è uscito sconfitto dallo scontro diretto con il Seregno, ma si è anche visto scavalcare in classifica dalla Giana Erminio, che ha superato 2-1 la Feralpisalò lasciando alla squadra di Serena l’ultimo posto in classifica.

Perciò, conta poco chi si ha di fronte, è d’obbligo fare risultato, anche perché ormai mancano solo sei giornate alla fine, e il tempo stringe sempre più.

Mister Serena dovrà fare i conti con un’infermeria che fatica a svuotarsi e probabilmente, rispetto al “tridente pesante” di Seregno, tornerà ad affidarsi al 4-3-1-2 con il “rombo” di centrocampo.

In porta Corvi sta facendo bene e quindi, nonostante Enzo sia ormai pienamente recuperato, dovrebbe toccare ancora al ragazzo cresciuto nel Parma.

La linea difensiva potrebbe avere qualche rotazione, con Stefanelli a far rifiatare uno tra Bondioli e Gasparetto al centro, mentre sugli esterni Ricciardi potrebbe traslocare a sinistra, con Rossi in panchina e, a destra, Bruno.

A centrocampo, da verificare le condizioni di Antonelli, ma da mezzala destra potrebbe fungere ancora Lollo, lasciando a Giacobbe il ruolo di trequartista, con Yabre e Paulinho a completare la mediana.

Davanti, infine, dovrebbe toccare ancora – anche per le assenze degli infortunati Buric, Gomez e Lazarevic – alla coppia formata da Contini e Sgarbi, quest’ultimo autore del gol con cui all’andata i biancazzurri si imposero in casa della Pro Vercelli.

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button