Arte & Cultura

L’Unpli Veneto premia lo spettacolo teatrale che racconta la Battaglia di Castagnaro del 1387

“Il racconto della battaglia di Castagnaro” è lo spettacolo teatrale che si è aggiudicato, anche quest’anno, il premio del concorso organizzato da Unpli Veneto per la tutela del patrimonio immateriale del Veneto, nell’ambito “Leggende e misteri”.

L’opera è stata scritta e messa in scena dagli alunni e alunne della classe 1a A della scuola secondaria di primo grado “Ippolito Nievo” di Castagnaro (che fa parte dell’istituto comprensivo “Carlo Ederle”), sotto la supervisione del professor Riccardo Celeghin. La classe premiata è la stessa che, lo scorso novembre, in località Rosta aveva messo in scena lo spettacolo intitolato “Le Anguane della Rosta e il mistero dei carri da guerra della Battaglia di Castagnaro”.

«I ragazzi hanno interpretato alla perfezione, nonostante gli ostacoli della situazione emergenziale dovuta al Covid, il fare teatro all’interno del teatro», sottolinea l’Amministrazione comunale, «Rappresentando una serata in famiglia, i ragazzi hanno inscenato il racconto di quello che era successo l’11 marzo 1387 a Castagnaro come se i nonni lo trasmettessero ai nipoti, utilizzando un linguaggio colloquiale ma preciso e fantasioso, come quando i nonni parlano ai nipoti».

«Questo escamotage ha aggiunto alla piece teatrale quella dolcezza e quel calore famigliare che hanno dato “quel tocco in più” ad un’opera scritta e adattata, che porta alla conoscenza i fatti storici di quella che è stata definita una delle cento battaglie che hanno cambiato la storia. I contenuti storici, della disfatta dell’esercito veronese dei Della Scala ad opera dei padovani Da Carrara, capeggiati da John Hawkwood, mischiati a quelli leggendari e fatati delle Anguane, hanno contribuito a creare un’opera ricca e originale dove i nostri ragazzi si sono divertiti a mettere in scena le loro competenze. Esprimiamo grande soddisfazione per i meriti dei nostri ragazzi», dichiara la Giunta guidata dal sindaco Christian Formigaro.

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button