Economia

Poste italiane nella provincia di Verona registra un sensibile incremento dei pagamenti digitali

La Pianura veronese sta diventando sempre più digital anche per ciò che concerne i pagamenti. Che l’utilizzo della cosiddetta “moneta elettronica” sia in costante aumento per quanto riguarda l’acquisto di beni e servizi viene indirettamente confermato dai numeri fatti registrare da Poste italiane; l’azienda, infatti, sottolinea la propria leadership nel settore dei pagamenti digitali grazie alle 523mila carte Postepay attive nella provincia di Verona (prendendo in esame l’intero Veneto si arriva, invece, a quasi 2,7 milioni di carte).

«Nell’ultimo anno, in Italia, sono salite a 2 miliardi le transazioni con le 29 milioni di carte di pagamento di Poste italiane, con un incremento nel 2021 del 29% rispetto all’anno precedente. Hanno inoltre raggiunto quota 9 milioni i portafogli digitali e-wallet», si legge in un comunicato diffuso dalla società.

Poste italiane fa sapere di aver deciso «di accompagnare i cittadini della provincia di Verona verso la trasformazione digitale offrendo una carta completamente digitale. La Postepay Digital, che può essere richiesta direttamente da smartphone e tablet, consente di usufruire di tutti i servizi disponibili nell’app: dalle ricariche, al pagamento dei bollettini e dei trasporti, alla possibilità trasferire piccole somme di denaro su altre carte Postepay grazie al servizio “p2p”».

«Poste Italiane è una platform company con un business diversificato resiliente e sostenibile», afferma l’amministratore delegato Matteo Del Fante. Nel territorio scaligero Poste italiane può contare su una rete di 199 uffici postali, 29 centri di distribuzione, 102 Atm Postamat.

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button