Economia

Edilizia, le associazioni di categoria chiedono lo sblocco della cessione dei crediti

Confartigianato continua a dare battaglia per chiedere la modifica dell’articolo 28 del Decreto Sostegni-ter che, con l’intento di evitare le frodi nell’utilizzo dei bonus edilizia e riqualificazione energetica, limita ad una sola cessione il trasferimento dei crediti fiscali.

La confederazione ha chiesto al Parlamento e al Governo di sbloccare la cessione dei crediti per non danneggiare la crescita e il lavoro delle imprese. La mobilitazione ora si intensifica con iniziative di denuncia e sensibilizzazione territoriale. In un manifesto diffuso dal sistema Confartigianato ai rappresentanti delle istituzioni di riferimento su tutto il territorio, sono indicati i dieci motivi per correggere la norma e prevedere controlli efficaci contro le truffe.

«Confartigianato imprese Veneto si è rivolta, con una lettera, al presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia», afferma Roberto Iraci Sareri, presidente di Confartigianato imprese Verona, «mentre, per quanto riguarda la nostra associazione, stiamo sensibilizzando sul tema i parlamentari veronesi per mantenere alta la loro attenzione in vista del dibattito parlamentare sul Decreto Sostegni-ter che si svilupperà nei prossimi giorni».

«A tutti», aggiunge, «stiamo chiedendo di volersi far carico di trasmettere agli organi centrali il forte disagio delle imprese che Confartigianato rappresenta affinché, una volta per tutte, venga stabilizzato in modo chiaro il quadro normativo di riferimento, nell’interesse dei cittadini e degli operatori economici».

Secondo Confartigianato Verona, il provvedimento sta avendo un impatto fortemente negativo nei confronti di una filiera produttiva, il cosiddetto “sistema casa”, che in provincia di Verona si compone di ben 11.657 imprese artigiane registrate in Camera di commercio, che impiegano ben 22.715 addetti. Quella scaligera è la capofila, tra le province del Veneto, per numero di aziende e occupati nel comparto.

«Quotidianamente», sottolinea Roberto Iraci Sareri, «raccogliamo, presso le nostre strutture associative, il disagio di chi già si trova ad affrontare le gravi ripercussioni connesse all’aumento dei prezzi delle materie prime, dell’energia e dei carburanti, e ora è ulteriormente colpito e disorientato dall’ennesima norma che cambia, in corsa, le regole del gioco».

«La situazione», spiega Valeria Bosco, direttore della Confartigianato provinciale, «risulta particolarmente pesante per quelle imprese che hanno garantito ai cittadini di poter fruire delle agevolazioni, attraverso lo sconto in fattura o l’acquisizione del credito direttamente dal consumatore, e che ora si trovano con la difficoltà, se non l’impossibilità, di cedere a loro volta il credito, con negative ripercussioni sui flussi di cassa, sulla programmazione dell’attività aziendale e sulla tenuta occupazionale».

La misura, entrata in vigore lo stesso giorno della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ossia il 27 gennaio scorso, ha confermato, senza alcun correttivo, le novità aspramente contestate da Confartigianato e dall’intero mondo rappresentativo della filiera delle costruzioni. Infatti, nel caso in cui il fornitore abbia concesso lo sconto in fattura, il medesimo può cedere una sola volta il credito a terzi, comprese le banche, dopodiché il credito diventa incedibile; inoltre, in caso di cessione, il primo cessionario non può cedere ulteriormente il credito.

«Senza minimamente sminuire l’esistenza e la portata delle frodi», conclude il presidente Iraci Sareri», che anche le nostre imprese vogliono combattere, assieme alla concorrenza sleale che portano con sé, in Italia si continua ad usare il metodo del colpire tutti per beccare i disonesti. Gli effetti perversi che tali norme hanno, non soltanto sul blocco dell’operatività di tante imprese oneste e responsabili, si ripercuotono anche su cittadini e consumatori, che hanno fatto affidamento sulla possibilità di utilizzare l’agevolazione per adeguare i propri immobili ai più elevati standard di efficienza energetica e di sicurezza sismica».

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button