il Pagellone

Legnago, “il Pagellone” del Consiglio comunale del 9 novembre 2021

Finalmente un po’ di sana battaglia in aula, dopo diverse sedute consiliari alquanto soporifere. E dove c’è “guerra”, il vostro amichevole pagellista di quartiere si diverte…

Loris Bisighin – 8: Non c’è niente da fare, quando la situazione rischia di deragliare, ci pensa Grande Puffo a riportare all’ordine il villaggio, a destra come a sinistra. Una certezza.
QUERCIOSO

Simone Tebon – 7: Notoriamente, non siamo mai teneri con il “consigliere ribelle”. Ma, a Cesare quel che è di Cesare, nel “corpo a corpo” con Falamischia è lui ad avere la meglio, sebbene alla fine l’assessore si salvi.
RITEMPRATO

Renato Defendini – 6/7: Piu efficace di altre volte, bravo ad eludere con un espediente dialettico, il “catenaccio” del presidente Longhi sugli interventi “di sfroso”.
FURBACCHIOSO

Angelo Guarino – 6+: Performance altalenante, quella dell’ex consigliere leghista ma, perlomeno, finalmente lo si rivede in presenza in aula, dopo tempo immemore. Presenza che invocavamo da tempo e che, quindi, premiamo.
RITROVATO

Stefano Pasqualini – 5/6: Il vicepresidente dell’assemblea è chiamato in più occasioni a sostituire il titolare. Lo fa con diligenza, ma è davvero troppo generoso nel controllare il timing degli interventi.
BUONISTA

Diego Porfido – 5,5: Nel campo del centrosinistra continua a fare la differenza, ma l’uscita sulla crescita dei redditi altrui, per come messa giù, suonava malissimo.
STONATO

Luca Falamischia – 5-: Lo “Sceriffo” salva la pelle, ma sulla bravura nel mettere mano alla fondina, meglio si regali una bella maratona di spaghetti western. Fa fare un figurone a Tebon, mica cotica, come dicono a Roma…
IMPALLINATO

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button